Tagged: cashmere

on the road

superleggero_zegna_baruffa_lane_borgosesia

Winter is almost here.
We are very excited to start soon designing and prototyping the new line of beanies and snoods for the next winter season. Tests are set up in the suggestive freezing conditions of the Russian winter and in the wonderful forests and mountains of the Italian Dolomiti. Stay tuned for more exciting updates. ZEGNA BARUFFA LANE BORGOSESIA the great Italian factory, is our supplier of high-end yarns 100% made in Italy since 1850.

giancarlo runs

superleggero_zero_beanie_snood

ITA – GIANCARLO corre. Un lavoro impegnativo nel campo dell’informatica, un figlio di nove mesi, i tanti impegni di tutti i giorni. L’orologio di GIANCARLO pare che faccia quattro volte al giorno il suo giro, tante sono le cose da fare prima di andare a letto.
Per riportare il mondo alla giusta velocità, GIANCARLO corre. Ultratrail, Skyrunning, Vertical Kilometer sono le specialità che preferisce. Gare che sembrano non finire mai, che durano più di due soli, che salgono in cima alle montagne e scendono a grande velocità fino a valle.
Quando GIANCARLO corre la sua testa si svuota, il pensiero vola alto sopra le montagne e i passi scandiscono il tempo. La testa al caldo, il pensiero è lucido. SUPERLEGGERO corre con GIANCARLO.

ENG – GIANCARLO runs. A demanding job in computers, a nine-month-old son, so many commitments every day. The hands on GIANCARLO’s watch seem to go round four times a day, he has so much to do before bedtime.
To bring the world back to its proper speed, GIANCARLO runs. Ultra trail, Skyrunning and Vertical Kilometre are his preferred specialities. Races that seem endless, that last more than two days, that climb to the top of the mountains and rapidly back down to the valley.
When GIANCARLO runs, his head empties, his thoughts fly high above the mountains and his steps mark the time. His head is warm, he can think clearly. SUPERLEGGERO runs with GIANCARLO.

dizionario superleggero: Z

superleggero_dictionary_z

ITA — Zurigo /dzuriˈgo/ [zu-ri-go] s.m. – 1. Sarebbe possibile dare una precisa, dettagliata, articolata ed esaustiva definizione di una città svizzera senza venir meno alla proverbiale precisione della popolazione che la Svizzera abita, ovvero degli Svizzeri? Forse spendendosi in una lunghissima disamina di fatti storici, politici, peculiarità relative alle attività produttive ed economiche, al tessuto sociale, alle attività artistiche e alle personalità che la città in questione hanno reso illustre. Tuttavia, tale disamina richiederebbe una così ingente quantità di tempo, da far arrivare in ritardo a qualsiasi appuntamento tanto chi la realizza, quanto chi la legge. 2. Zurigo è capoluogo dell’omonimo cantone e la maggiore delle città svizzere. Circondata dal paesaggio alpino, affacciata sull’omonimo lago, Z. è città d’arte e moda, di tranquilli caffè e di intensa vita notturna. Tanto basti al lettore. 3. A Zurigo si sta bene, la città offre mille occasioni per conoscere ed incontrare. Questo fermento stimola la creatività e l’atmosfera le permette di fiorire. SUPERLEGGERO nasce a Zurigo, in una giornata d’inverno, quando il freddo ti stringe la testa, o forse in una ventosa giornata di primavera, quando i foulard sventolano come le bandiere sulle rive del lago.

ENG — Zürich /ˈzjʊərɪk/ n. – 1. Would it be possible to give a precise, detailed, articulate and comprehensive definition of a Swiss city without faltering over the well-known accuracy exercised by the population of Switzerland, aka the Swiss? This can be done only by providing a lengthy and close examination of Zürich’s historical and political events, the distinctive features of its economy and business, its social texture, its artistic circles and figures that have made this city famous. This examination, however, would require so much time that those providing it and those reading it would arrive late at every meeting. 2. Zürich is the capital of the homonymous canton and the largest city of Switzerland. Surrounded by an Alpine landscape, looking onto the lake of the same name, Z. is a city of art and fashion, of peaceful cafés and an intense nightlife. This is all the reader needs to know. 3. Life is good in Zürich. The city offers a thousand opportunities for encounters, knowledge and learning. This energy triggers creativity, which flourishes in this atmosphere. SUPERLEGGERO was born in Zürich on a winter’s day, when the cold weather gets to your head, or maybe on a windy spring day, when scarves wave like flags around the shores of the lake.

dizionario superleggero: U

dizionario_superleggero_dictionary

ITA — Unicità /uniʧiˈta/ [u-ni-ci-tà] s.f. – 1. Condizione determinata dall’essere unico, diverso, non paragonabile per particolarità o esclusività delle caratteristiche. 2. Condizione caratterizzante e riferimento di tutta la produzione di SUPERLEGGERO. La scelta dei materiali e delle lavorazione, le differenze riscontrabili in ogni borsa, grembiule o foulard rendono ogni pezzo unico. Tale unicità, oltre che visibile e tangibile, è anche insita in ogni progetto, perché figlia della ricerca, dello studio e della passione.

ENG — Uniqueness /juːˈniːknɛs/ [u-ni-que-ness] n. – 1. A state of being determined by the fact that one is unique, different, without equals as a result of the distinctiveness or exclusivity of traits. 2. A defining state of being, a point of reference for all SUPERLEGGERO products. The choice of materials and manufacturing process, the differences that can be observed on every bag, apron and scarf, make each item unique. This uniqueness, both visible and tangible, is also an aspect of every project, the outcome of study, research and passion.

pop pin

alex_wearing_superleggero_pop_pin_grandprix.

ITA — Scrivere “Bello.” oppure “Bello!” non è la stessa cosa. Nel primo non c’è slancio, quel punto suona come uno sgambetto che atterra l’entusiasmo. Il secondo, grazie al punto esclamativo, squilla e fa un balzo verso l’alto. Una pin appuntata sulla T-shirt è un punto esclamativo nella vita di tutti i giorni.

ENG — Writing “Nice.” or “Nice!” is not the same thing. In the former there’s no dash, that full stop sounds like a tripping-up that blocks enthusiasm. The latter, with its exclamation mark, rings out and leaps up. A brooch on your T-shirt and an exclamation mark in everyday life.